Costantini a QN: “Dare spazio alle piccole imprese per vincere la sfida del Pnrr”

Apr 4, 2023News Nazionali0 commenti

La sfida del Pnrr non contempla il termine fallimento. E’ in gioco il futuro dell’Italia e dei nostri giovani. Così il Presidente Nazionale CNA, Dario Costantini, in una intervista a QN, nella quale si dice favorevole ad anticipare le misure nella delega fiscale che stimolano investimenti e occupazione, a condizione però che “non siano circoscritte solo alle società di capitali, ma rivolte all’intera platea delle imprese. In questa logica sarebbe utile anticipare l’estensione della cedolare secca agli immobili per uso strumentale”.

Sui ritardi nella realizzazione del Pnrr, Costantini rileva che alcune difficoltà erano prevedibili. “La pubblica amministrazione storicamente non riesce a mettere a terra le risorse disponibili. Con il Pnrr dovrebbe triplicare la capacità e non è realistico anche con il nuovo codice degli appalti. E tuttavia non è un dramma rivedere, correggere un piano che è stato definito in un contesto economico completamente diverso rispetto a oggi. Dobbiamo spendere rapidamente ma è più importante spendere bene”.

Il Presidente CNA torna così a sottolineare l’importanza di coinvolgere i privati e in particolare le piccole imprese per vincere la sfida del Pnrr. Impiegare le risorse europee per obiettivi di interesse pubblico attraverso investimenti attivando anche capitali privati. Adattare il Pnrr al nuovo contesto apre spazi ad esempio alla nostra proposta di favorire gli investimenti in piccoli impianti per l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili sfruttando i capannoni delle micro e piccole imprese con un credito d’imposta fino a coprire al massimo il 50% dei costi.

 

 

Questo articolo Costantini a QN: “Dare spazio alle piccole imprese per vincere la sfida del Pnrr” è stato pubblicato su CNA.

Altre notizie

Ultime News

Scirpoli a Radio24: come evitare i disagi da nebbia

La scarsa visibilità ha provocato incidenti in autostrada, tra Emilia-Romagna e Lombardia in particolare, che hanno causato vittime, feriti, blocchi stradali e ingorghi. Uno dei tratti più a rischio è quello iniziale dell’A22, tra Modena e Verona, un tratto lungo...

0 commenti