Grano duro: al via sperimentazione di due anni

Apr 26, 2023News Nazionali0 commenti

È stato prorogato fino al 31 dicembre 2023 il regime sperimentale italiano sull’indicazione in etichetta della provenienza della materia prima per pasta, riso, pomodoro, carni suine trasformate, latte e prodotti lattiero-caseari. Il Ministri dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida, delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e della Salute Orazio Schillaci, hanno firmato il decreto interministeriale .”

DECRETO PROROGA ORIGINE ALIMENTI

Precedentemente la proroga al 31/12/2022 era stata ottenuta con un decreto pubblicato a febbraio 2022, di cui riportiamo qui sotto gli estremi.

  MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 28 dicembre 2021

Proroga della etichettatura di origine obbligatoria. (22A00804) (GU Serie Generale n.32 del 08-02-2022)

 Indicazione dell’origine in etichetta. Prorogati i decreti nazionali al 31 Dicembre 2022

Nuova proroga relativa all’indicazione dell’origine degli alimenti in etichetta per riso, grano duro per la pasta di semola di grano duro, pasta, pomodoro, sughi, latte (compresi i prodotti lattiero-caseari) e carni.
I Decreti interessati sono:

 due decreti ministeriali 26 luglio 2017 per riso e pasta;
 decreto ministeriale 16 novembre 2017 per il pomodoro;
 decreto ministeriale 6 agosto 2020 per le carni suine;
 decreto ministeriale 9 dicembre 2016 per latte e prodotti caseari.

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 26 luglio 2017 
Indicazione dell’origine, in etichetta, del grano duro per paste di semola di grano duro.

Entrano così in vigore i provvedimenti che introducono la sperimentazione per due anni del sistema di etichettatura, nel solco della norma già in vigore per i prodotti lattiero caseari. I decreti prevedono, a partire dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, una fase di 180 giorni per l’adeguamento delle aziende al nuovo sistema e lo smaltimento delle etichette e confezioni già prodotte. Quindi l’obbligo definitivo scatterà il  17 febbraio per la pasta.

Come per il riso ad avviso di CNA Agroalimentare occorre un periodo di almeno 12 mesi.

Questo articolo Grano duro: al via sperimentazione di due anni è stato pubblicato su CNA.

Altre notizie

Ultime News

CNA Forlì-Cesena compie 70 anni e inaugura la sua sede

A 70 anni esatti dalla sua costituzione, avvenuta il 15 giugno del 1954, CNA Forlì-Cesena reinaugura la sua sede provinciale, pesantemente colpita dall’alluvione, con locali accoglienti, rinnovati e riorganizzati. Un segnale concreto di resilienza e ripartenza. La...

0 commenti