Taxi e nuove licenze, CNA Veneto Ovest cerca come rispondere ai picchi di domanda

Mar 9, 2023News Nazionali0 commenti

Utilizzare gli strumenti normativi già esistenti per garantire flessibilità organizzativa al comparto, senza intervenire sull’aumento delle licenze. È in estrema sintesi questo il nodo del dialogo che i tassisti veronesi intendono portare davanti al Comune di Verona. Il problema noto è quello dei picchi di richieste che arrivano dall’utenza in particolare nei momenti di maggiore flusso in città, ossia a ridosso di tutti i grandi eventi e nell’alta stagione del turismo enoculturale.

Attualmente sono in corso i primi confronti tra le diverse sigle nelle quali si riconosce il settore, con CNA Fita Taxi in prima linea. Da parte degli operatori c’è massima disponibilità a garantire i migliori standard di servizio, anche in termini di adeguamento al fabbisogno, ma attraverso una soluzione che escluda il ritocco al numero dei mezzi in circolazione.

“Noi siamo a tutti gli effetti imprese private che effettuano un servizio pubblico – spiega Daniela Campostrini, presidente regionale di CNA Fita Taxi – e, come per qualsiasi altro comparto produttivo, il nostro scopo è far lavorare il più possibile i nostri mezzi. Esiste una legge, la legge 12 del 2019, che toglie tutti i limiti seconda guida indicando proprio la possibilità di integrare nella licenza personale anche una figura di supporto, per una copertura oraria integrativa a quella normalmente riconosciuta al singolo tassista nel rispetto del rapporto tra orari di guida e riposo. E sebbene le sensibilità in questo momento siano ancora differenti, è da questo che si dovrebbe partire per un vero riadeguamento del servizio”.

Da tempo l’associazione lavora sul territorio per promuovere un approccio al tema con una visione di livello regionale, tanto che sono già diversi i tavoli di confronto utili a fornire lo spunto per replicare modelli di successo. Tra questi il caso del Comune di Padova, dove, accogliendo una proposta proprio di CNA è stato attivato il sistema della seconda guida, che permette al singolo taxi di operare in turno grazie all’alternanza tra il titolare della licenza e un secondo operatore qualificato. Il rapporto tra i due può essere normato da una collaborazione di tipo familiare, da una collaborazione familiare occasionale o dal cosiddetto ‘contratto di gestione’ che, secondo CNA Fita Taxi, rappresenta l’opportunità più interessante su cui confrontarsi.

“I picchi di fabbisogno sono in parte ciclici e in parte imprevedibili – prosegue Campostrini – e il rischio è di avere tanti mezzi vuoti nei periodi di bassa domanda. Con il ‘contratto di gestione’, invece, potremmo aumentare l’attuale occupabilità fino a poterla addirittura raddoppiare, ma soprattutto ottimizzandola rispetto alle reali necessità. In questo modo, potremmo generare nuove opportunità per autisti ‘freelance’ in grado di rispondere ai bisogni di diversi operatori titolari di licenza a seconda del momento, e facilitando inoltre quel meccanismo di continuità imprenditoriale così critico oggi per tantissimi tassisti a fine carriera”, afferma Campostrini in conclusione.

Questo articolo Taxi e nuove licenze, CNA Veneto Ovest cerca come rispondere ai picchi di domanda è stato pubblicato su CNA.

Altre notizie

Ultime News

Scirpoli a Radio24: come evitare i disagi da nebbia

La scarsa visibilità ha provocato incidenti in autostrada, tra Emilia-Romagna e Lombardia in particolare, che hanno causato vittime, feriti, blocchi stradali e ingorghi. Uno dei tratti più a rischio è quello iniziale dell’A22, tra Modena e Verona, un tratto lungo...

0 commenti