Videostoria: una mattina nel salone dei cinque sensi

Mar 27, 2024News Nazionali0 commenti

Read the english version

Parola d’ordine: cura. È la cura che ispira l’attività di Maurizio Polidori. Quarantasette anni, è il protagonista di CNA Storie del mese. Ne ha quattordici quando inizia la sua esperienza di apprendista di bottega in una barberia, a Viterbo. Appassionato di questo mestiere, continua il suo percorso come acconciatore e completa la formazione all’accademia per donna di Roma. Ad appena ventiquattro anni apre il suo primo salone di acconciatura, a Grottaferrata, paese sui Castelli romani, a pochi passi dalla Capitale. Nel 2005 inaugura a Frascati Exclusive e a distanza di pochi anni, con la socia Ella, apre le porte a Velvet, centro estetico specializzato nella cura dello sguardo. In totale, quindici dipendenti.

Una crescita per stare al passo con l’evoluzione del mercato

“In questi anni ho vissuto l’evoluzione di questo mestiere” spiega Maurizio. “Il nostro settore è cambiato moltissimo, si è trasformato. Insomma, una volta era semplicemente artigianale. Oggi invece non basta saper tagliare bene e colorare i capelli, è fondamentale l’esperienza che gira intorno al servizio di bellezza”. Ecco perché Maurizio ha costruito intorno a questa esigenza l’idea del parrucchiere esperienziale: “Andiamo a toccare tutti i sensi, a partire dal gusto, la vista, l’olfatto, e il tatto”. Ecco allora che i clienti, uomini e donne, vengono accolti con un estratto di benvenuto. Si prosegue poi con un trattamento con un olio a scelta alla testa e alle spalle e lo shampoo su poltrona massaggiante su schiena e piedi, cullati dalla cromoterapia.

Con l’idea di parrucchiere esperienziale andiamo a toccare tutti i sensi, a partire dal gusto, la vista, l’olfatto, e il tatto

Cura del cliente e dei collaboratori

Non è una sorpresa vedere i clienti col sorriso. Ma è quello sulle labbra di chi qui lavora che fa capire quanto Maurizio abbia a cuore la cura dei suoi collaboratori, oltre che quella dei suoi clienti. “Sono legatissimo alle persone con cui lavoro. Abbiamo pochissimo turnover: alcuni dei miei collaboratori lavorano qui anche da quindici anni, sebbene abbiamo anche new entry. Per me è importante che tutti stiano bene”. Dalle parole di Maurizio emerge con chiarezza che il “come” vale più del “quanto”: “nel salone accogliamo circa quarantacinque clienti al giorno: non è un numero elevato per addetto. Del resto sono convinto che la qualità conti più del tempo”. Dietro le poltrone di questo salone di acconciatura c’è tanto studio e formazione. “La formazione è un elemento importante” dice Maurizio. Tutti i mercoledì dedicat alcune ore alla formazione interna o esterna, a seconda delle argomentazioni.

Sono convinto che la qualità conti più del tempo

La ricerca di Velvet e l’esperienza con CNA

Acconciatura ed estetica corrono insieme in questo spazio. Velvet nasce da un’idea di Ella, socia e titolare dell’omonima società, un’idea che Maurizio definisce “differenziante”: ringiovanire lo sguardo delle donne. “Ella ha realizzato dei protocolli di ringiovanimento specifico con la tecnica dell’espiazione con il filo arabo. Ma abbiamo ampliato lo sguardo alla colorazione con l’hennè e al massaggio per microcircolo. Siamo passati dall’epilazione a questo tipo di trattamenti per evolvere e utilizzare macchinari avanzati” dice Maurizio. Un lavoro instancabile di ascolto e ricerca, che si nutre anche grazie agli stimoli che Maurizio raccoglie nei suoi incontri in CNA: “Far parte di un’associazione è sempre una cosa molto bella, straordinaria: si riesce a risolvere tante problematiche che da soli sarebbe difficile e complesso affrontare”.









Questo articolo Videostoria: una mattina nel salone dei cinque sensi è stato pubblicato su CNA.

Altre notizie

Ultime News

CNA è “FUORISERIE” alla Milano Design Week

Dal 16 al 21 aprile, in occasione della Milano Design Week 2024, CNA presenta la seconda edizione della mostra evento FUORISERIE. La manifestazione, sotto la direzione artistica di Sapiens Design Studio e Stefano Lodesani Studio, quest’anno esplorerà il tema tangible...

0 commenti